Chiara Lorenzoni

I misteri del Circo Trepidini

Chiara Lorenzoni è nata a Padova nel 1971, tra il profumo dei tigli e le scintille verdi delle lucciole. Oggi vive a Lecce, tra i voli di rondine e le onde del mare azzurro. Fa l’avvocato ma è anche autrice di libri per bambini pubblicati con diverse case editrici italiane, alcuni tradotti in Cina e Russia. Con altri due soci ha fondato e cura il Picturebook Fest di Lecce, festival dell’arte e della letteratura per ragazzi. Tiene laboratori, incontri e lezioni. Le piace: andare in bicicletta, accarezzare le orecchie dei cani, fare fotografie, osservare gli altri, annusare il profumo dei caprifogli, mangiare gelati di cocco e banana, ascoltare le domande dei bambini e immaginare.
Le piace soprattutto scrivere storie.

Tiziano Fratus

Waldo Basilius

Attraversando le foreste di conifera della California e le Alpi Tiziano Fratus ha perfezionato il concetto di Homo Radix, al quale sono conseguiti una pratica quotidiana di meditazione in natura e la disciplina della Dendrosofia. In vent’anni di lavoro ha pubblicato opere per editori quali Mondadori, Feltrinelli, Einaudi, Bompiani, Laterza, Ediciclo. Fra i suoi titoli più apprezzati Manuale del perfetto cercatore d’alberi, I giganti silenziosi, Ogni albero è un poeta, L’Italia è un bosco, Il libro delle foreste scolpite, Il bosco è un mondo, Un quaderno di radici, Il sole che nessuno vede. Le sue liriche sono state tradotte in dieci lingue e pubblicate su rivista o in volume in sedici paesi. Collabora coi quotidiani «La Stampa» ed «Il Manifesto» e conduce il programma Nova Silva Philosophica su Radio Francigena. Vive nella campagna piemontese, laddove si esaurisce la costanza della pianura e si snodano le radici delle montagne. Sito: studiohomoradix.com

Nicola Fantini

La macchina tigre

Nicola Fantini è nato nel 1962 in un piccolo centro della Val d’Ossola. Ha lavorato nella narrativa di genere, dalla fantascienza al romanzo gotico e al reportage. E’ traduttore dall’inglese e dall’ispanoamericano.  Nel 1999 si trasferisce a Orta San Giulio. Fino al 2010 trascorre i suoi inverni a Buenos Aires, viaggiando ed esplorando il Sudamerica. Nonostante i suoi spostamenti non abbandona mai il suo rifugio sul lago. “Nostra Signora degli scorpioni”, il romanzo scritto a quattro mani con la moglie, Laura Pariani, è un omaggio al microcosmo ortense. E’ tradotto in Spagna e Francia.

Laura Pariani

La macchina tigre

Laura Pariani è nata a Busto Arsizio nel 1951. Ha trascorso l’infanzia a Magnano, nel milanese, in un ambiente ancora in gran parte contadino. Laureatasi in filosofia all’Università degli Studi di Milano, ha esordito negli anni Settanta con la pittura e il fumetto; dagli anni Novanta si dedica soprattutto alla narrativa e alla scrittura teatrale. Con Di corno o d’oro vince il Premio Grinzate Cavour e il Premio letterario Piero Chiara. Con La spada e la luna si aggiudica il premio Elsa Morante e il Premio Dessì. Seguono negli anni altre pubblicazioni e altri premi fino alla nomina come finalista per il Campiello con il romanzo Milano è una selva oscura. Collabora inoltre con vari giornali e riviste: La Stampa, Il Corriere della Sera, Il Sole 24 ore. Le sue opere sono tradotte in molte lingue.